Elenco dei prodotti per la marca SMART

Cosa c'è di più piccolo di una Mini? Perché un SMART, naturalmente. Abbastanza piccolo per fare la donnola dentro e fuori il traffico in centro durante l'ora di punta, molto efficiente in termini di carburante, molto facile da parcheggiare e ancora abbastanza elegante per essere voluto dalla gente elegante. Questo è ciò che gli orologiai svizzeri Swatch e Daimler AG avevano in mente quando hanno progettato il SMART.

IndustriaAutomotive
Fondata1994
Sede centraleB'blingen, Germania
Persone chiave
Annette Winkler CEO, 2010-presente
ProdottiMicrocar
ProprietarioDaimler AG
Sito webWww.smart.com
SMART Automobile[1] è una divisione di Daimler AG che produce e commercializza il SMART fortwo. Con sede a Bàblingen,in Germania, SMART ha commercializzato una gamma di veicoli e ha il suo stabilimento di assemblaggio primario ad Hambach,in Francia. Annette Winkler è stata SMARTceo del mondo dal 2010.

Smart utilizza un logotipo minuscolo nel suo marchio e un logo che incorpora la lettera "c" per "compact" e una freccia per "forward thinking".

Il concetto di design SMART's automobiles è iniziato alla fine degli anni '80, associato a Swatch. Dopo un periodo di appoggio da parte di Volkswagen,il primo modello è stato finalmente lanciato da Daimler-Benz nell'ottobre 1998. Sono state introdotte diverse varianti del design originale, con il design originale, chiamato fortwo, giunto alla sua seconda generazione e disponibile come versione elettrica.

Smart sono commerciali a livello globale, anche in Asia, Nord e Sud America, Australia e in Europa e sono disponibili nei modelli a combustione interna, elettrici e sportivi.

Origini

Alla fine degli anni '80, il CEO di SMH (produttori del marchio Swatch) Nicolas Hayek ha iniziato a sviluppare un'idea per una nuova auto utilizzando lo stesso tipo di strategie di produzione e le caratteristiche di personalizzazione utilizzate per di popularizzare gli orologi Swatch. Egli credeva che l'industria automobilistica aveva ignorato un settore di potenziali clienti che volevano una piccola ed elegante city car. Questa idea divenne presto nota come la "Swatchmobile". La società privata hayek di Hayek Engineering AG ha iniziato a progettare la nuova vettura per SMH, con posti a sedere per due posti a sedere e una trasmissione ibrida. [2]

Mentre il design della vettura procedeva, Hayek temeva che i produttori esistenti si sarebbero sentiti minacciati dalla Swatchmobile. Così, piuttosto che competere direttamente, ha preferito collaborare con un'altra società nel settore automobilistico. Ciò allevierebbe anche la SMH dall'onere dei costi nella creazione di una rete di distribuzione. Hayek si avvicinò a diversi produttori automobilistici e il 3 luglio 1991 raggiunse un accordo con Volkswagen per condividere lo sviluppo del nuovo progetto. [3]

Nel 1993, Ferdinand Pioch era diventato CEO di Volkswagen e cercò immediatamente di terminare il progetto con SMH. Volkswagen aveva già lavorato sulla propria "auto da tre litri": un'auto che avrebbe consumato tre litri di carburante per 100 km di guida (l'eventuale Volkswagen Lupo 3L). Il concetto di Volkswagen è stato creduto per essere una migliore proposta di business, con quattro posti a sedere e più sala di carico. [4]

Hayek aveva sospettato che Pioch avrebbe cercato di porre fine all'accordo con SMH al momento della sua ascesa alla posizione di CEO; quindi, ha discretamente iniziato ad avvicinarsi ad altre case automobilistiche con il progetto Swatchmobile. Respinto da BMW, Fiat, General Motors e Renault,ha finalmente raggiunto un accordo informale con Daimler-Benz AG,produttore dimercedes-benz auto. [5]

Il 4 marzo 1994, in una conferenza stampa presso la sede centrale di mercedes-benz a Stoccarda, è stato annunciato che le società avrebbero unito le forze nella fondazione della Micro Compact Car AG (MCC). Il 49% del capitale iniziale di 50 milioni di franchi svizzeri è stato fornito da SMH e il restante 51% da Daimler-Benz. L'azienda era composta da due filiali: la MCC GmbH con sede a Renningen (un sobborgo di Stoccarda) che avrebbe progettato l'auto, e l'allora senza nome. SMH Auto SA, di proprietà di Hayek, avrebbe progettato un sistema di trazione elettrica ibrida per l'auto, mentre Hayek Engineering avrebbe controllato la progettazione e la produzione. [6]

La conferenza stampa ha visto anche il debutto di due concept car: l'eco-sprinter e l'eco-speedster,ideato dallo studio di design di mercedes-benzin California. Le vetture erano simili all'eventualesmart City-Coupé. Non è stato menzionato il fatto che la SMH non aveva alcun input nella progettazione di questi concetti,[8] e sono stati etichettati come Mercedes-Benzes.

Alla fine di aprile 1994, MCC aveva istituito una sede centrale a Biel,in Svizzera. [9]

Storia dell'azienda

Tre co-direttori sono stati immediatamente nominati a capo della nuova azienda: il designer e ingegnere Johann Tomforde e l'amministratore finanziario Christoph Baubin di Daimler-Benz, e il direttore marketing Hans Jàrg Schàr, che ha guidato le campagne di marketing originali di Swatch a metà degli anni '80. Tomforde aveva lavorato al progetto Mercedes City Car (coincidentally abbreviato MCC) presso Daimler-Benz dal 1990, che ha prodotto i concetti di eco-sprinter ed eco-speedster di cui sopra, nonché il concettoVision-A, che alla fine è diventato ilmercedes-benz A-Class. [10]

Una delle prime controversie al MCC è stato il nome della vettura stessa. Nicolas Hayek insistette affinché manteri Swatch in qualche modo: "Swatchmobile", o "Swatch Car". Daimler-Benz rifiutò, e spinse per un nome neutrale. La selezione finale è stata smart, un acronimo che era stato precedentemente utilizzato internamente da MCC per Swatch Mercedes Art. [12]

Nel maggio 1994, i co-direttori avevano individuato 74 potenziali siti per l'impianto di assemblaggio. Il sito finale è stato annunciato il 20 dicembre 1994: Hambach, Francia. [13] La fabbrica appositamente costruita si guadagnò rapidamente il soprannome di "Smartville".

Tomforde ha ideato un sistema modulare di assemblaggio per l'auto, insistendo sul fatto che i fornitori progettano e assemblano, e persino installano i propri moduli sull'auto finale, nel nuovo stabilimento utilizzando i propri dipendenti, riducendo così i costi per le società madre e cedendo MCC delle passività finanziarie e legali per tali parti. Ha inoltre fornito un quadro fiscale in base al quale MCC potrebbe condividere i costi di sviluppo con i fornitori, piuttosto che dover finanziare l'intero progetto da solo. [14] MCC ha ottenuto contratti con i fornitori per progettare e fornire quasi tutte le parti dell'auto: sedili di Faurecia, interni di VDO,moduli telaio e porta di Magna,pannelli porta di Dynamit Nobele sospensioni di Krupp. [15]

Nonostante l'offload di una notevole quantità di sviluppo sui fornitori MCC richiesto più capitale. La ricapitalizzazione di Daimler-Benz ha aumentato la propria quota di proprietà della società all'81%, lasciando SMH solo con il restante 19%. [16]

Lo stabilimento di assemblaggio è stato inaugurato il 27 ottobre 1997, con un taglio cerimoniale del nastro da parte dell'allora presidente francese Jacques Chirac e del cancelliere tedesco Helmut Kohl. [17] L'introduzione della nuova smart city-Coupé era prevista per marzo 1998, tuttavia l'instabilità dinamica dei prototipi spinse Daimler-Benz ad annunciare il rinvio del lancio fino all'ottobre 1998. Johann Tomforde fu sostituito come ingegnere capo da Gerhard Fritz. [18] Fritz abbassò il baricentro, allargò la pista, irrigidì le sospensioni, cambiò lo sterzo e aggiunse il peso della zavorra alla parte anteriore della vettura al fine di aumentare la sua stabilità nelle manovre di emergenza (in particolare la"prova d'alce" svedese ). [19]

La vettura è stata lanciata con successo in nove paesi europei nell'ottobre 1998, ma il design finale non ha soddisfatto le aspettative di Hayek. Hayek spinse per una trasmissione ibrida, ma il prodotto finale usò un motore a benzina relativamente convenzionale. Poco dopo Daimler-Benz acquistò la quota residua di SMH nella società. [20] LA MCC era ora una sussidiaria interamente controllata da Daimler-Benz (che presto si fuse con Chrysler Corporation per diventare DaimlerChrysler). L'ufficio di Biel è stato chiuso e le operazioni sono state consolidate presso il centro di progettazione MCC GmbH in Germania. Il 1o gennaio 1999, MCC GmbH cambiò il suonome in MCC smart GmbH,[21] e nel 2000, lasciò cadere le ultime vestigia dell'associazione con SMH, diventandosmart GmbH. [22]

La linea di modelli è stata successivamente ampliata per includere laroadster un supermini posteriore, a trazione posteriore e quattro porte, a quattro posti, giustamente chiamataforfour (l'originale City-Coupé è stata rinominatafortwo per adattarsi al nuovo schema di denominazione).

fonte: Wikipedia, l'enciclopedia libera

Less
Smart Forfour454 Light-Alloy-Wheel 15' - 'cruiseline' per...
  • In saldo!
165,00 € IVA incl. - 165,00 € IVA escl.
SMART Forfour454 Light-Alloy-Wheel 15' - 'cruiseline' per pneumatici 195/50R15 Eleganti cerchi in lega per individualizzare il veicolo e aggiornarlo visivamente. Struttura in alluminio ad alta resistenza ma leggera, appositamente sviluppata e progettata per la smart forfour.Ruota in lega, dimensioni 6J x 15 ET46 per pneumatici di taglia 195/50R15.Escluso...
Usato originale SMART roadster Travel Trolley Suitcase Usato originale SMART roadster Travel Trolley Suitcase 2
  • -100,00 €
950,00 € 1.050,00 € IVA incl. - 950,00 € IVA escl.
Carrello valigie da viaggio: rimanere in cima. Facile da fissare al portapacchi posteriore del smart roadster, ma difficile da rimuovere per i ladri, poiché è fissato alla parte posteriore del veicolo con filo a spirale e un blocco per tutte le stagioni; include due cinture. Due maniglie all'esterno e numerosi scomparti all'interno. Formoso, rigido e...
285,12 € IVA incl. - 285,12 € IVA escl.
Set completo di autentici protezioni per la protezione del portaoggetto smart fortwo 453 o smart forfour 453 a 2014. Come descritto nel pacchetto Urban Style, un set completo di rivestimenti del cio smart con scritta su ogni girano. Set di otto pezzi, due per ruota.
Parti interne

Smart roadster porta di accesso

N114
16,49 € IVA incl. - 16,49 € IVA escl.
distintivo per il montaggio sul tappeto vicino alle porte
Smart roadster bodyclips Clip Easy x 5
  • In saldo!
Fissaggi e fissaggi utilizzati

Smart roadster bodyclips Clip Easy x 5

MARGE-46
14,50 € IVA incl. - 14,50 € IVA escl.
Clip corpo facile. Utilizzato per fissare le prese d'aria laterali e i pannelli dei fari su 452 roadster.
Illuminazione utilizzata

Smart roadster la luce targa utilizzata

MARGE-39
9,50 € IVA incl. - 9,50 € IVA escl.
1 targa leggera per il SMART roadster Utilizzato ma completamente funzionale
Product added to wishlist
Product added to compare.

Il nostro negozio utilizza i cookie e altre tecnologie in modo da poter migliorare la tua esperienza sul nostro sito web. Continuando la visita sul sito acconsenti all'uso dei cookie. Puoi trovare ulteriori informazioni nella nostra informativa sulla privacy.